Urban Clinic LabGov EDU 2019 1st community gardening session

Urban Clinic LabGov EDU 2019 1st community gardening session

Save the date: next Saturday, 9th March we will host the first EDU@LabGov community gardening session in Luiss Community Garden from 10 am to 12am.

The LabGovers will work with recycled materials in order to build a prototype that they will install in Luiss and in the city of Rome. If you are interested in following their work, follow our official social network!

During the community gardening session, the LabGovers will put into practice what they are learning during the forms in the classroom therefore it will represent ahead important footstep in the realization of their project.

The assisted gardening is not only a didactic moment but an activity of practical collaborative among the boundaries of the University Luiss Guido Carli, that then the students will experiment on the field in the city of Rome.

Stay tuned!

Save the date: Sabato 9 marzo si terrà il primo community gardening della Clinica Urbana EDU@LabGov presso l’#OrtoLuiss dalle 10:00 alle 12:00.

Durante la sessione di community gardening i LabGovers, divisi dapprima in quattro gruppi sulle diverse aree di lavoro, dovranno presentare i dati raccolti nel corso della settimana e iniziare a dar forma al loro progetto. Inizieranno quindi un laboratorio di auto-costruzione che, tramite l’utilizzo di materiali riciclati, li porterà a realizzare un prototipo che installeranno nella città di Roma. Se volete saperne di più rimanete connessi ai nostri account social ufficiali quel giorno!

L’obiettivo è mettere in pratica ciò che gli studenti stanno apprendendo durante i moduli in aula, quindi rappresenterà un importante passo avanti nella realizzazione della loro idea.

Il gardening assistito non è solo un momento didattico ma un’attività di pratica collaborativa tra le mura dell’Università Luiss Guido Carli, che poi gli studenti sperimenteranno sul campo nella città di Roma.

Restate Connessi!

Assets confiscation to combat organized criminality

Assets confiscation to combat organized criminality

Nowadays, we are witnessing an ever-changing[1] evolution of ordinary citizens’ position. Individuals and groups are no longer mere beneficiaries of administrative acts and procedures but – in a way – parts of them. In this very context, the regeneration of urban commons can be located, not only in renewal purposes, but as well in the involvement of city inhabitants. More specifically, urban regeneration is described[2] as «the recycling, transformation and innovation process of urban commons», contributing to promoting “urban creativity”, with the aim of ensuring and improving quality and accessibility.

Particularly, this writing wants to tackle the problem of “final use” of confiscated urban assets which are in a state of disrepair and neglect.

Before getting into the issue in question, it is necessary to clarify the meaning of confisca and “urban commons”.

In the Italian legal system, the antimafia confisca is a preventative property measure, introduced in 1965 and currently regulated by the so called Antimafia Code[3].

According to code provisions, in order to apply antimafia confisca two elements are required.

Starting from the subjective element, the individual who acquires the relevant asset must be recognized as “socially dangerous” at the moment of acquisition, irrespective of whether such status ceases or the person dies.

There are two objective elements: direct or indirect accessibility by the individual to the asset and existence of sufficient evidence in relation to the unlawful origin of the confiscated asset (such as the disproportion between the asset’s value and the income declared by the individual for tax purposes, as established by the legislator).

On the other hand, the “urban common assets” are generally defined[4] as «material, intangible and digital assets recognized by citizens and Public Administration as useful for individual and collective well-being.»

In the light of the foregoing, considering that confiscated assets are (usually) private assets which can be classified as “urban commons”, ordinary citizens’ involvement to administrative acts can be applied and procedures can play a role.

Pursuant to what discussed above, if it is true that private assets (both real estate and companies) can be classified as “urban commons”, the question is: Is it possible to apply the same art. 190, Codice dei contratti pubblici to confiscated assets so that they could be subject to the contract on social partnership and its procedure?

Art. 190, Codice dei contratti pubblici[5], introduced in the Italian legal system the so-called contract on social partnership, whose criteria and conditions can be defined by local authorities «on the basis of projects presented by individuals or groups as long as with regard to a specific territorial scope.»[6]

As clarified also by Antonella Manzione[7], the contract on social partnership provides for a call for tender where “a competition of ideas” occurs for the final use of common assets. It must be borne in mind, though, that this must happen within the limits established by the Italian Court of Auditors[8], which requires compliance with some elements previously identified by the local authority itself, such as the ratione personae scope.

More precisely, whereby there are “urban common assets” in a state of disrepair and neglect and the local authority intends to ensure their exploitation «through cultural initiatives, urban renewal, restoration and refurbishment for general interest objectives»,[9], it should issue a call for applications and then conclude the contract on social partnership.

Carlo Pezzullo


[1] In this connection, CHITI E., La rigenerazione di spazi e beni pubblici: una nuova funzione amministrativa?, in DI LASCIO F., GIGLIONI F., La rigenerazione di beni e spazi urbani. Contributi al diritto delle città, Il Mulino, Bologna, 2017.

[2] According to art. 2.1, Regolamento del Comune di Bologna.

[3] The d. lgs. 159/2011 as reformed by the Law 161/2017.

[4] According to art. 2.1, Regolamento del Comune di Bologna.

[5] The d. lgs. 50/2016, as revisited by d. lgs. 56/2017.

[6] Art. 190 Codice dei contratti pubblici.

[7] The Italian Consigliera di Stato Antonella Manzione, during a lesson at LUISS Guido Carli with Prof. Christian Iaione, 2018 nov. 20.  

[8] Court of Auditors, sez. reg. Emilia-Romagna, 2016 march 23, n. 27; sez. reg. Lombardia, 2016 sep. 6, n. 225. 

[9] Art. 190 Codice dei contratti pubblici.

What’s happening in Centocelle?

What’s happening in Centocelle?

In June something interesting happened in Centocelle: LabGov organized two workshops with the local residents, with the aim of starting a collaborative process for taking care of the beautiful archeological park of Centocelle. The workshops were organized within the Co-Roma project, where LabGov is acting as a catalyst in the process of building collaborative practices for taking care of urban commons.

The first workshop took place on the 9th of June. The whole time was dedicated to the reciprocal knowledge in relation to the park. But what does it mean?

Jpeg

The participants were invited to write down on post-its several things: first the values they associate to the park, then their competences. By clustering the post-its, our service designer Paola Santoro helped them summarizing their knowledges and their needs too. This activity showed that the participants are animated by those values: beauty, participation, education, love for culture and sport, respect and legality.

 

3The second workshop took place on the 22nd of June. This time the laboratory focused on actions: the participants were invited to think about – and to write down on post-its, of course – the actions they daily do in the park, the obstacles they run into trying to perform those actions, and the opportunities deriving from them. After the identification of actions, obstacles and opportunity, Paola and the participants of the workshop negotiated the priorities od those things they thought to.

 

The negotiation has been the very first moment of collaboration and shared decision! It has been a start point for a collaborative process focused on common objectives.

WhatsApp-Image-20160622 (2)

The third workshop will took place on the 4th July, at 5 PM in Villa de Sanctis, Centocelle. It will be the last appointment before the summer break. The laboratory will then restart in September, but the work on field will never stop!


Nell’ambito del progetto Co-Roma, LabGov ha organizzato, nel mese di giugno, due workshop nel quartiere di Centocelle, finalizzati alla costruzione di un percorso di collaborazione per la riqualificazione del parco archeologico del quartiere. I partecipanti dei workshop, grazie alla mediazione della nostra service designer Paola Santoro, hanno avuto modo di conoscersi, di dare linee guida valoriali al processo, e di individuare azioni opportunità e rischi legati alla fruibilità del parco. Il prossimo appuntamento, l’ultimo prima della pausa estiva, sarà il 4 luglio alle 17.00 presso Villa de Sanctis.

 

La collaborazione civica, by Christian Iaione

La collaborazione civica per l’amministrazione, la governance e l’economia dei beni comuni” is an article written by LabGov coordinator, prof. Christian Iaione, and first published in L’Italia della Condivisione in 2015.

“In Italia i beni comuni sono ormai entrati nel lessico comune. La consapevolezza che gli italiani hanno maturato circa la rilevanza che rivestono e le criticità che presentano beni essenziali alla coesione sociale, tanto quanto allo sviluppo economico, è testimoniata dall’afflato partecipativo che ha caratterizzato i referendum del giugno 2011 su quelli che mediaticamente sono passati alla storia come i referendum per i “beni comuni”. Nella narrazione collettiva i beni comuni sono stati identificati nell’acqua, nell’ambiente e nella legalità. In realtà si trattava di quesiti referendari attinenti a “questioni domestiche” che non prendevano a riferimento la nozione scientifica invalsa a livello internazionale di “beni comuni” o “commons”. In molti hanno provato e provano a utilizzare ideologicamente questo concetto, producendo più danno che beneficio a chi cerca di studiare con metodo scientifico i beni comuni e forgiare gli strumenti tecnici necessari per fare dei beni comuni la base di ripensamento delle istituzioni sociali, economiche, politiche e amministrative. Ad ogni modo questa sensibilità generale verso i beni comuni non deve andare sprecata e per fare ciò occorre fermarsi a riflettere sulle forme e le condizioni di gestione, cura e tutela dei beni comuni. Il rischio è che l’espressione “beni comuni” divenga un’espressione di senso comune, ma priva di effettivo valore semantico e, soprattutto, di rigore scientifico, casella vuota che chiunque si sente legittimato a riempire con qualunque significato, vessillo ideologico inalberato da movimenti o manifesti più o meno condivisibili. Ma da dove si deve partire per gettare le fondamenta di una rigorosa e solida teoria scientifica dei beni comuni? Senza dubbio il primo problema da affrontare è quello definitorio. Quali sono i beni comuni? Quanti sono i beni comuni? Sul punto, in Italia si è sviluppata un’ampia e approfondita riflessione dogmatica su cosa debba ricomprendersi all’interno dell’orizzonte dei beni comuni volte a una ricostruzione giuridica del fenomeno dal punto di vista teorico o applicativo. Per costruire un solido paradigma teorico poggiante sulle fondamenta dei beni comuni occorre dotarsi anche di una nuova chiave di lettura del modello sociale ed economico oggi dominante e di infrastrutture giuridiche e amministrative a supporto di questo diverso metodo. In definitiva, lo studio dei beni comuni come categoria scientifica rappresenta una sfida intellettuale che richiede un metodo interdisciplinare, che deve per forza di cose partire dai risultati degli studi di Elinor Ostrom (insignita del Premio Nobel per l’economia nel 2009) e dei suoi allievi, senza però rinchiudersi in questo o quel recinto culturale o scientifico. Solo un simile sforzo intellettuale potrà candidarsi a fondare su basi solide e verificate dal punto di vista economico, giuridico e istituzionale, un nuovo paradigma, e quindi una società più giusta.”

If you are interested in this subject, please explore the full paper here.

Città e beni comuni, by Christian Iaione

Città e beni comuni” is an article written by LabGov coordinator, prof. Christian Iaioneand first published as a chapter of L’Italia dei beni comuni, a book published in 2012 by Carocci and co-authored by prof. Iaione and Gregorio Arena.

“Dove va una persona se vive in una città, non ha la fortuna di possedere un giardino e sente il bisogno di immergersi in un ambiente naturale, usufruire di tutti i servizi che uno spazio verde può fornire come correre, leggere un libro su un prato all’aria aperta, respirare aria mediamente più pulita? Come può quella persona nutrire la propria sete di relazioni sociali e incontrare persone nuove, diverse, ricche di esperienze e culture che non possiede? Dove può coltivare il proprio senso di appartenenza a una comunità, contribuire ad arricchire la sua identità con le proprie capacità e passioni, partecipare delle sue tradizioni? Quali sono le infrastrutture e i servizi che accrescono la qualità della vita urbana, mettono la persona in condizione di condurre un’esistenza degna di essere vissuta o la rendono più libera di muoversi e le consentono di condividere o coltivare stili di vita più coerenti con la propria sensibilità individuale e con quella di chi vive nel medesimo spazio di vita? Cos’è che determina il maggiore o minore valore economico o semplicemente estetico di una comunità sotto il profilo immobiliare? Tutte queste domande trovano una sola, identica risposta. Si tratta degli spazi e servizi urbani di interesse comune. Essi soddisfano numerosi bisogni del vivere in città perché sono funzionali al benessere delle comunità, come all’esercizio individuale dei diritti di cittadinanza: qualità della vita e del lavoro, socialità, mobilità, svago, condivisione, senso di comunità, possibilità di coltivare capacità e passioni sono tutte cose che risentono immediatamente della maggiore o minore qualità delle infrastrutture di uso collettivo che una città è in grado di mettere a disposizione dei propri abitanti. Purtroppo, però, vivono oggi un momento di profonda crisi. Una crisi determinata da due fattori. Si tratta in primo luogo del deficit e del declino degli spazi pubblici o collettivi tanto nelle periferie, quanto nelle aree centrali, tanto nel momento della loro infrastrutturazione, quanto in quello della loro manutenzione. Il secondo fattore di crisi risiede, invece, nella graduale disaffezione e disattenzione dei cittadini verso gli spazi pubblici urbani che sono percepiti come luoghi di nessuno (o al più dell’ente pubblico locale), anziché luoghi di tutti in quanto spazi comuni. E questo atteggiamento di spoliazione di titolarità e responsabilità da parte dei cittadini consente l’aggressione indisturbata e impunita di questi beni da parte di chi non riesce ad apprezzarne l’importanza per la vivibilità urbana e la coesione sociale. Sul primo versante, vincoli sempre più stringenti ai bilanci degli enti locali, imposti dalla disciplina comunitaria in materia di patto di stabilità e derivanti dalla dimensione del debito pubblico italiano, oltre alla riduzione dei trasferimenti statali conseguente all’aggravamento dei conti pubblici italiani a seguito della crisi finanziaria del 2008, hanno indotto gli enti locali a ridurre il proprio intervento a favore dei bisogni della comunità locali. La riduzione delle risorse pubbliche non ha riguardato solo i servizi alla persona, ma sta incidendo fortemente anche sull’ambiente urbano e, in particolare, sugli spazi pubblici. La crescente penuria di risorse pubbliche fa il paio con un sempre più diffuso disinteresse dei cittadini, in particolare quelli di più giovane età, verso la preservazione, la cura e il mantenimento dei luoghi di vita e aggregazione dove si svolge la vita comunitaria. In maniera speculare stentano a svilupparsi e diffondersi forme di responsabilizzazione nella fruizione e nella gestione dei servizi pubblici locali. Molto probabilmente questa disaffezione trova origine anche in una scarsa opera di educazione alla cittadinanza da parte delle istituzioni ma anche delle singole famiglie e della scuola. Eppure, nella costruzione del benessere urbano è decisivo il coinvolgimento degli attori principali dell’ecosistema urbano, e cioè gli stessi cittadini che usano e vivono la città. La “città ideale” per Lefebvre è, infatti, «una continua opera degli abitanti, essi stessi mobili e resi mobili per e da questa opera. […] Il diritto alla città si manifesta come una forma superiore di diritti: diritti alla libertà, all’individualizzazione nella socializzazione, all’habitat, all’abitare»”.

If you are interested in this subject, please explore the full article here.