European City Agencies Network Conference, December 4-6

European City Agencies Network Conference, December 4-6

An international symposium dedicated to City Agencies and Urban Think Tanks, in which scholars, policy-makers, practitioners, city- makers, and students as much as representatives from NGOs, cultural, administrative, political and funding institutions will be involved in a conversation concerning how is it possible for EU citizens to contribute to the definition of the agenda for the cities they live in, and to influence the shaping of EU policies for cities. 

The conference will take place in Turin from the 4th to the 6th of November and is organized by the Urban Center of the City of Torino as part of EUCANET, the European Agencies Network for citizenship, inclusion, involvement and empowerment of communities through the urban transformation process. EUCANET involves five partners from four countries: Urban Center Metropolitano Torino and Urban Center Bologna from Italy, City of Marseille from France, city of Skopje from Macedonia and Cluj Metropolitan Area Intercommunity Development Association from Romania.

The symposium will host a key-note speech, two main sessions and a number of practice-oriented workshops. During the conference people and organizations gathered from all Europe will be involved in the delivery of a Policy brief summarizing the potentialities and possible new roles to be played by City Agencies and Urban Thinks Tanks, from proactively feeding local urban debate, to connecting local issues to the EU policy-making level, to strengthening our common European urban culture.

Elena De Nictolis, Head Researcher at LabGov, will give a key-note speech at the round table on “City agencies as enabling tools” together with Corrado Topi from the Stockholm Environment Institute, moderated by Marco Demarie, Compagnia di San Paolo and Levente Polyàk, Eutropian.

The other round table participants will be: Toni Masevski, City of Skopje; Federica Fulghesu, NESTA Italia; Øystein Leonardsen, City of Copenhagen; Andres Blanco, Inter- American Development Bank; Carla Tedesco, Comune di Bari.

For more information: https://eucanet.wordpress.com/2018/11/21/eucanet-final-conference/?fbclid=IwAR1ea5mSKR6yrJT9TxL5bqyea7_PyKrNaFV3ps69C3LLKY1OJSdLtlDvuJ8

‘Blockchain, Public Trust, Law and Governance’ 29-30 November

‘Blockchain, Public Trust, Law and Governance’ 29-30 November

The conference ‘Blockchain, Public Trust, Law and Governance’ will take place at the University of Groningen on November 29 and 30. It will bring together reputed academics, talented professionals, and a selection of innovative entrepreneurs working on blockchain to discuss the applications of this technology to government as well as its regulatory, ethical and policy challenges.

Throughout the world, governments are experimenting with blockchain in different areas. However, it remains a black box to many citizens, public bodies, and companies. This in itself raises concerns for areas where democratic processes are essential to create legitimacy. Additionally, many question whether the technology is stable and secure over the long-run, if total transparency is desirable for all kinds of public services, whether it is scalable enough or consumes too much energy, what its social impact is, whether existing legal frameworks are challenged by this system, and how the technology and its users can be “fixed” if mistakes occur. Hence, the ‘trust machine’ has not been able to conquer the minds and hearts of many skeptical public and private actors.

Elena De Nictolis, Head Researcher at LabGov, will attend the conference and exchange with the participants on LabGov’s experience on the blockchain issue.

 

Futuro Remoto – Cooperare per ri-generare, 8-11 Novembre

Futuro Remoto – Cooperare per ri-generare, 8-11 Novembre

Fino all’11 novembre alla Città della Scienza di Napoli si terrà la 32esima edizione di Futuro Remoto, una festa della scienza per la diffusione della cultura scientifica e tecnologica ormai famosa in tutta Italia.

La manifestazione di quest’anno è dedicata al “ri-generare”, al “mettere in circolo”, secondo un modello circolare di economia sostenibile. Le aree tematiche sono: aerospazio, agrifood, chimica verde, fabbrica intelligente, mezzi e sistemi per la mobilità, scienza della vita, ambienti di vita, smart communities, un mare di risorse, patrimonio culturale, design creatività Made in Italy, energia.

Riprendendo il tema generale della manifestazione, LegaCoop e Coopfond hanno organizzato dei laboratori e seminari con il titolo “Cooperare per ri-generare”.

Christian Iaione, Professore di diritto urbanistico LUISS Guido Carli e co-direttore
di LabGov interviene oggi nel panel intitolato “Comunità – bene comune delle periferie urbane e delle aree interne”, presentando il Progetto cooperativa di comunità Centocelle di Roma.

“Il workshop intende verificare come nelle periferie urbane, nelle aree interne e nei borghi storici sia possibile – attraverso azioni urbanistiche, sociali ed economiche – sviluppare percorsi di rigenerazione delle comunità attraverso attività stabili ed economicamente sostenibili. Si tratta di: superare situazioni di disagio sociale nelle periferie degradate delle città più grandi, riappropriandosi di spazi e beni comuni, ricostruendo un’identità e una consapevolezza di essere comunità; di rompere l’isolamento dei piccoli centri delle aree interne rigenerando opportunità economiche sostenibili e rivitalizzando i servizi a fronte della presenza di un’identità forte e condivisa; di valorizzare i piccoli borghi sfruttando il patrimonio storico, culturale e paesaggistico di cui sono dotati. Nel far ciò si devono promuovere le reti sociali, sviluppare una progettazione urbana che, partendo dalle aspirazioni degli abitanti, sia fonte di generazione del valore e di inclusione sociale. La cooperazione di comunità e quella tra abitanti – anche con l’apporto di urbanisti, sociologi, economisti – intendono sviluppare un partenariato pubblico-privato per la realizzazione di progettualità urbanistiche, abitative, nei servizi e nella cultura che attivino nuove forme di community welfare e rigenerazione del territorio.”

 

 

Future Cities Canada Summit, November 7-9

Future Cities Canada Summit, November 7-9

The Future Cities Canada Summit brings together city leaders and urban innovators working to sustain and build our cities for people to live and thrive now and into the future. Organized by Future Cities Canada, a collaborative platform that harnesses the momentum for change already in progress in cities, the Summit will gather community leaders, city administrators, and research organization in a 3 day event with discussions, conferences and interventions that will address the most pressing issues of our time and promote innovative thinking on topics such as affordable housing, smart cities, civic participation, resilience planning, mobility, and disaster reduction.

Sheila Foster, co-founder of LabGov and Professor of Law and Public Policy at Georgetown University, will be discussing the necessary governance changes our 21st century requires with leading urban innovators – including Taiwan’s first digital minister who will talk about the radically participatory process of vTaiwan, the Vice Mayor of Montreal who is leading the new Urban Innovation Lab and Entremise, a civic group who is testing policy innovation regarding urban occupation.
Sheila Foster will introduce the panel,  framing these approaches in their wider context, and bringing her experience from LabGov and the Co-City projects. The experimentations and research LabGov carried out in the past years are a powerful example of the way new urban solutions can be co-created by municipal government and local communities. These practical examples of governance and legal principles will provide a new conceptual framework able to foster innovation, social inclusion and local development in our cities.
To learn more about the event and to consult the schedule of the sessions click here.
Paesaggi Interni: governare la fragilità – 31 ottobre 2018

Paesaggi Interni: governare la fragilità – 31 ottobre 2018

Quale modello di governance per le aree interne calabresi? Questo il tema della Tavola Rotonda che si terrà all’Università della Calabria mercoledì 31 ottobre 2018.

Paola Cannavò, membro del comitato scientifico di LabGov, ha organizzato questo momento di riflessione insieme a Donatella Cristiano e Massimo Zupi, che vedrà intervenire anche Chiara Prevete, membro del team ricerca di LabGov.

La Tavola Rotonda affronterà il tema della governance partecipata delle aree interne calabresi, caratterizzate da un’elevata qualità paesaggistica ed ambientale, in buona parte inespressa, misconosciuta e nascosta. Proponendo un approccio in grado di riconoscere il valore del territorio e dei suoi attori, la Tavola Rotonda proverà a reinterpretare il ruolo dell’urbanistica nel guidare il processo di rafforzamento del territorio inteso come “bene comune”, partendo da un’interpretazione di paesaggio come scenario strategico per il Paese e come elemento trainante per la valorizzazione dei contesti dimenticati. Il paesaggio deve infatti acquisire lo status di “bene comune” che gli compete, facendo sì che nei suoi confronti sia possibile avviare la transizione dalla partecipazione con valore prettamente consultivo, alla collaborazione con carattere fortemente gestionale.

Gli attori locali diventano pertanto protagonisti del processo di sviluppo in un modello
virtuoso all’interno del quale le esperienze di successo di un territorio innescano meccanismi
di apprendimento collettivo.

In quest’ottica, verrà proposta la forma del contratto, ovvero di un protocollo giuridico di natura
contrattuale,  che dovrebbe rappresentare il naturale sbocco operativo della pianificazione
paesaggistica in contesti fragili, dove l’azione pubblica deve potersi esprimere come un
primus inter pares, apportando autorevolezza e certezza. Il contratto nelle sue varie forme
(di fiume, di paesaggio, ecc.) individua i temi prioritari, i siti e le criticità da trattare, la
visione e gli impegni che ciascun contraente pubblico e privato intende assumere, le azioni
da attuare e i tempi. Si tratta di un modello partenariale e non coercitivo, che dovrebbe
avere caratteristiche di elevata adattività ai contesti locali e alle capacità delle istituzioni
pubbliche coinvolte e la cui efficacia è favorita dalla co-responsabilizzazione degli attori.

Per ulteriori informazioni sul programma visitare il sito di UniCal.